corsi: Impara in tempi ridottissimi a governare il windsurf, in soli 3 lezioni anche non consecutivi potrai apprendere la tecnica base per condurre in sicurezza il windsurf. La professionalità e l’esperienza degli istruttori di Imparatosurfbeach ti aiuteranno nell’apprendere tutti i segreti di questo favoloso sport, grazie anche ai materiali di ultima generazione che saranno forniti per le lezioni.I corsi si articolano in 4 livelli, così che puoi imparare da zero o migliorare il tuo livello di abilità.

Il windsurf . nacque ufficialmente nel 1967 da un’idea di un ingegnere aerospaziale californiano, James (Jim) R. Drake il quale, sull’autostrada di San Bernardino, nei dintorni di Los Angeles, ripensando ad una discussione avuta precedentemente con l’amico Hoyle Schweitzer, pensò di poter continuare a fare surf anche senza le onde, utilizzando una vela collegata alla tavola. Drake pensò di unire un boma a wishbone con un giunto cardanico per governare in piedi una tavola a vela. I materiali utilizzati furono dapprima il legno, la stoffa nautica (Dacron, una fibra poliestere usata nelle barche a vela) e alcune corde per imbarcazioni. L’idea fu perfezionata con l’aiuto di un collega di Jim, Alan Parducci, che contribuì alla progettazione. Nel 1968 Schweitzer e Drake brevettarono il windsurf e il brevetto fu trascritto ufficialmente nel registro delle invenzioni nel 1970.nb Insieme cominciarono a produrre i primi Windsurfer

Nei primi anni ottanta cominciarono ad arrivare immagini fotografiche spettacolari da oltreoceano, in particolare dalle Hawaii, patria di Robby Naish, mito indiscusso del windsurf. Il giovane Naish, nel 1976 campione mondiale Windsurfer ad appena 13 anni, decise di affrontare le onde hawaiiane con la tavola a vela. Presto si rese conto che il Windsurfer con i suoi 22 kg di peso e un notevole dislocamento non era adatto a quelle condizioni. Così, grazie all’aiuto del padre, creò il primo sinker (un primo modo per definire le tavole corte e con poco volume che prevedono la “partenza dall’acqua”), adattando un Mistral Competition che veniva accorciato tagliandolo all’altezza della scassa di deriva. Con questo prototipo Naish affrontava le onde, saltandole e surfandole, dando vita ad una nuova disciplina: il funboard.

Il windsurf si è evoluto negli ultimi anni in modo particolare nella disciplina del freestyle. A partire dai primi del 2000 infatti sono stati portati sulla scena internazionale da windsurfer come Josh Stone e Ricardo Campello numerosi tricks, fino a quel momento impensabili.[11] La nuova svolta ha dato l’input alla nascita di un movimento di windsurfer professionisti provenienti dal Sudamerica, in particolare da El Yaque e Bonaire. Tra questi sono molto conosciuti nella scena Gollito Estredo, Kiri Thode, Steven Van Broeckhoven, i fratelli Taty Frans e Tonky Frans, Marcilio “Brawzinho” Browne. Per la categoria femminile, Sarah Quita Offringa, Yoli de Brendt, Laure Treboux. Un grande contributo all’evoluzione della disciplina wave è stato dato dal brasiliano Kauli Seadi, che ha sviluppato la configurazione quad (tavola con 4 pinne a poppa) che ha dato vita ad uno stile di surfata più moderno, con turn molto stretti sempre sulla parete dell’onda. Sempre Kauli ha anche sviluppato un nuovo concetto di vele compact, più corte di albero e larghe di bugna, con 4 stecche al posto delle classiche 5. A lui si deve l’invenzione del push loop into forward, una combinazione di due manovre che è diventata un must nei contest di wave, per l’alto punteggio che viene dato quando eseguita perfettamente.

 

Sponsored by

circolo